Università
della
Svizzera
italiana
Academy
of Architecture

 
 

'Nudità' spettacolo con Virgilio Sieni e Mimmo Cuticchio

07.10.2019

 

 

 

 

Nudità

con Virgilio Sieni e Mimmo Cuticchio

 

lunedì 07 ottobre 2019 ore 19.30 

Auditorio Teatro dell'architettura

Mendrisio

 

Evento gratuito. Ingresso garantito fino all’esaurimento dei posti disponibili

 

L’Accademia di architettura dell’USI ospita nell’Auditorio del Teatro dell’architettura lo spettacolo Nudità, una performance con Virgilio Sieni e Mimmo Cuticchio in cui l’arte della danza e l’arte della marionetta diventano un solo linguaggio.

Virgilio Sieni torna all’Accademia di Mendrisio due anni dopo il seminario rivolto agli studenti di primo anno del corso “Introduzione al processo creativo” tenuto da Riccardo Blumer.

 

Lo spettacolo è l’incontro tra due mondi e due visioni. In scena insieme, Mimmo Cuticchio e Virgilio Sieni instaurano forme di relazione tra corpo e pupo, ascolto e tattilità. Il corpo del danzatore e quello della marionetta si incontrano e dialogano su alcuni elementi fondamentali dello stare al mondo: camminare, sedersi, cadere, voltarsi, toccare…

La relazione tra Danza e Opera dei pupi rappresenta un elemento inedito e un primo modello che guarda alla trasfigurazione dell’uomo e alla natura del gesto. Corpo e marionetta, trasmissione e tattilità, corpo articolare e gravità, sono gli elementi di questo viaggio nel gesto: una rappresentazione di come l’umano affiori in ogni fragilità del corpo e del pupo messi in relazione tra loro.

I due artisti hanno lavorato sull’anatomia della marionetta e sulle possibilità che il corpo del danzatore ha di appropriarsi di tecniche e azioni artistiche considerate superficialmente “non umane”.

Con l’arte della marionetta le leggi naturali del mondo emergono cristalline, tra sospensione-orizzontalità e gravità-verticalità, richiamandoci in ogni istante alla “risonanza” quale fonte dei nostri spostamenti e della nostra postura di abitanti del mondo.

 

Virgilio Sieni

Si forma in discipline artistiche e architettura, dedicandosi parallelamente a ricerche sui linguaggi del corpo e della danza. Dopo anni di studio sul senso dell’improvvisazione nei linguaggi contemporanei della danza ‒ tra Amsterdam, Tokyo e New York ‒, fonda la compagnia Parco Butterly e nel 1992 la Compagnia Virgilio Sieni, affermandosi come uno dei protagonisti della scena contemporanea internazionale.

Nel 2007 fonda l’Accademia sull’arte del gesto, contesto innovativo di formazione rivolto a professionisti e cittadini sull’idea di comunità del gesto e sensibilità dei luoghi.

Dal 2013 al 2016 è direttore della sezione Danza della Biennale di Venezia. Nel 2013 è nominato Chevalier de l’ordres des arts et de lettres dal Ministro della cultura francese.

Lavora per le massime istituzioni teatrali, musicali, fondazioni d’arte e musei internazionali, realizzando progetti sulla geografia della città e dei territori che coinvolgono intere comunità sui temi dell’individuo e della moltitudine poetica, politica, archeologica.

Con questo spettacolo Virgilio Sieni torna all’Accademia di Mendrisio due anni dopo il seminario rivolto agli studenti di primo anno del corso “Introduzione al processo creativo” tenuto da Riccardo Blumer.

 

Mimmo Cuticchio 

È un contastorie, attore e regista teatrale. Discendente diretto e attento interprete della tradizione palermitana dell’Opera dei pupi, ha raccolto l’eredità del padre Giacomo, che aveva aperto a Palermo il suo primo teatro di pupi nel 1933. Comincia negli anni Settanta l’attività di puparo con i suoi spettacoli itineranti. Nel 1977 dà vita all’Associazione Figli d’arte Cuticchio e insieme alla cura per l’arte antica del cunto inizia quel lavoro di reinvenzione di una tradizione che contribuirà al riconoscimento conferito dall’Unesco all’Opera dei pupi come parte del patrimonio orale e immateriale dell’umanità.

 

 

 

 

 

Article provided by
USI Feeds