Università
della
Svizzera
italiana
Accademia
di architettura

 
 

Archivio del Moderno

M.A.P.  

Il volume indaga la produzione di Giulio Minoletti (1910-1981), architetto, urbanista e designer milanese, secondo le diverse tematiche declinate dalle sue opere. Muovendo dalla biografia scientifica e intellettuale e dagli esordi professionali ‒ già connotati dalla propensione ad “assorbire” da altri domini disciplinari, in particolare artistici, procedimenti, figure, tipi di composizione pittorica e grafica ‒, il volume ricostruisce la posizione di Minoletti nel dibattito urbanistico del dopoguerra e l’impegno nell’ammodernamento delle stazioni ferroviarie milanesi; il suo talento nell’operare in contesti delicati, soprattutto nel tessuto storico della città di Milano, dove dimostra sensibilità spaziale e maestria nel dosare deferenza verso il passato e ricerca di soluzioni moderne (come nel Condominio a ville sovrapposte ai Giardini d’Arcadia); la sua abilità come allestitore di spazi di vita e di esposizione e di “architetture in movimento” (fra le quali gli interni del celebre elettrotreno ETR 300-Settebello e dell’aereo BZ 308). Temi che trovano tutti un compendio visivo nell’ampio corredo di oltre 900 immagini in bianco e nero e a colori.

Giulio Minoletti.

Lo spettacolo dell’architettura

a cura di

Maria Cristina Loi, Christian Sumi, Annalisa Viati Navone

24 x 28 cm, 704 pp.

746 ill. b/n, 187 ill. col.

brossura

italiano

Silvana Editoriale

ISBN 9788836637126

€ 55 / frs 60.‒

Acquista

Tomaso Adamini (1764-1827) e i suoi figli Leone (1789-1854) e Domenico (1792-1860) furono tra i principali architetti e costruttori ticinesi attivi a San Pietroburgo, per l’importanza delle imprese edili a cui presero parte e per la durata della loro attività, che dagli ultimi anni di regno di Caterina II si distende fino a metà Ottocento.

Il volume presenta il catalogo ragionato e illustrato della loro raccolta grafica conservata all’Archivio del Moderno di Mendrisio: un fondo che ai disegni delineati dai membri della famiglia affianca fogli autografi, o ascrivibili ai collaboratori, di grandissimi architetti dell’epoca: Francesco Bartolomeo Rastrelli (1700-1771), Giacomo Quarenghi (1744-1817), Jean-François Thomas de Thomon (1759-1813), Carlo Rossi (1775-1849), Giovanni Battista Scotti (1776/77-1830), Aleksandr Brjullov (1798-1877), André Stackenschneider (1802-1865).

Il catalogo è preceduto da un ampio saggio che inquadra l’opera degli architetti Adamini nel contesto russo e pietroburghese e nell’ambito delle migrazioni di mestiere caratteristiche delle terre ticinesi.

Nicola Navone
Gli architetti Adamini a San Pietroburgo.
La raccolta dei disegni conservati in Ticino
24 x 28 cm, 256 pp.

160 ill. col., 120 ill. b/n

brossura

italiano con abstract in inglese

Silvana Editoriale

ISBN 9788836635443

€ 55 / frs 60.–

Acquista

Il volume raccoglie numerosi saggi inediti sulla teoria e la storia dell’arte e dell’architettura del XX secolo, scritti in omaggio a Bruno Reichlin, architetto e professore in diverse università, noto per aver elaborato un approccio innovativo all’analisi dell’opera di architettura – fondato sulla messa a punto di strumenti critici provenienti dalla critica del testo letterario e dell’arte – e per le sue battaglie per la salvaguardia del patrimonio architettonico del XX secolo. La raccolta si struttura in cinque sezioni dedicate alla teoria dell’arte e dell’architettura; ai mutamenti dei procedimenti costruttivi conseguenti all’introduzione di nuovi materiali, tecniche e tecnologie; all’analisi di una o più opere architettoniche; a questioni metodologiche e pratiche relative al restauro di edifici moderni.
 

Testi di: Joseph Abram, Fritz Achleitner, Paolo Amaldi, Tim Benton, Christian Bischoff, Martin Boesch, Yve-Alain Bois, François Burkhardt, Mario Carpo, Jean-Pierre Cêtre Giorgio Ciucci, Jean-Louis Cohen, Jürg Conzett, Wessel de Jonge, Yvan Delemontey, Catherine Dumont d’Ayot, Kenneth Frampton, Hartmut Frank, Aurelio Galfetti, Roberto Gargiani, Franz Graf, Philippe Grandvoinnet, Giuliano Gresleri, Roberta Grignolo, Alberto Grimoldi, Thomas Hasler, Ulrike Jelhe-Schulte Strathaus, Jacques Lucan, Guillemette Morel Journel, Nicola Navone, Werner Oechslin, Carlo Olmo, Luca Ortelli, Danièle Pauly, Carlo Piccardi, Marko Pogacnik, Sergio Poretti, Arthur Rüegg, Martin Steinmann, Adolph Stiller, Christian Sumi, Letizia Tedeschi, Ana Tostões, Ruggero Tropeano, Ivo Trümpy, France Vanlaethem, Annalisa Viati Navone, Daniele Vitale. 

L’opera sovrana.

Studi sull’architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin

Etudes sur l’architecture du XXe siècle offertes à Bruno Reichlin

Studien über die Architektur des XX. jh. Für Bruno Reichlin

23 x 27.5 cm, 592 pp.

396 ill. b/n, 60 ill. col.

brossura olandese

italiano, inglese, francese, tedesco

Silvana Editoriale

ISBN 9788836627516

€ 50 / frs 60.–

Acquista

Giulio Minoletti (1910-1981) si laurea in Architettura nel 1931, a soli 21 anni, dopo aver annoverato, durante gli studi universitari, esperienze di illustratore e creatore di moda. Al Politecnico di Milano segue un percorso formativo di matrice tradizionalista, ma allo stesso tempo osserva con interesse il lavoro di Le Corbusier o Gropius, mostrandosi un convinto assertore della modernità. La sua lunga traiettoria professionale attraversa due fortunate stagioni, quella degli anni Trenta e quella del periodo della Ricostruzione e si connota per un’insolita poliedricità di interessi: presente in tutte le Triennali dal 1930 al 1957, assistente alla Scuola di Ingegneria del Politecnico di Milano dal 1930 al 1949, attivo nel dibattito architettonico milanese, Minoletti opera senza preclusioni di scala passando dal disegno della città a quello dell’oggetto, con una disinvoltura che è segno di una «versatilità tutta italiana», come osserverà Gio Ponti.

L’archivio professionale di Giulio Minoletti, di cui questo volume presenta l’inventario analitico, è conservato presso l’Archivio del Moderno di Mendrisio.

Giulio Minoletti (1910-1981)

Inventario analitico dell’archivio

a cura di

Elena Triunveri

15 x 21 cm, 384 pp.

144 ill. b/n

brossura

italiano

Silvana Editoriale

ISBN 9788836628513

€ 30 / frs 35.– 

Acquista

Giulio Minoletti (1910-1981), architetto milanese, si è profilato per la spiccata versatilità, l’inclinazione alla ricerca sperimentale di forme, materiali, policromie e alla contaminazione tra generi artistici che caratterizzano la sua attività di architetto, allestitore d’interni, progettista di quartieri, spazi verdi e piscine, designer di oggetti. La pubblicazione raccoglie il lavoro di analisi delle opere di Minoletti condotto dagli studenti dell’Accademia di architettura dell’Università della Svizzera italiana durante il semestre primaverile del 2013, in collaborazione con la Fondazione Archivio del Moderno di Mendrisio che conserva l’archivio Minoletti. La complessità e la varietà dell’opera dell’architetto viene dapprima contestualizzata nella temperie italiana e internazionale all’interno di una tavola cronologica che apre la pubblicazione, e poi illustrata attraverso un’ampia raccolta di progetti. Un saggio iniziale, una breve biografia e un portfolio di fotografie recenti completano il volume.

Giulio Minoletti

architetto, urbanista e designer

a cura di

Christian Sumi, Annalisa Viati Navone

23.5 x 16.5 cm, 200 pp.

359 ill. b/n, 91 ill. col.

brossura

italiano

Silvana Editoriale

ISBN 9788836628650

€ 20 / frs 25.– 

Acquista

Questo agile volume raccoglie cinque riflessioni dedicate a uno dei più famosi architetti italiani, Marco Zanuso (1916-2001), vero e proprio pioniere del design nella Milano della seconda metà del secolo scorso. La sua attività, letta principalmente in rapporto alla committenza e all’industria che ne assecondava le intuizioni lungimiranti e favoriva la realizzazione di progetti d’avanguardia, viene indagata in cinque scritti accompagnati da un prezioso apparato d’immagini.

Testi di Alberto Bassi, Fiorella Bulegato, Maddalena Scimemi, Christian Sumi, Letizia Tedeschi.

MZ Progetto integrato.
Marco Zanuso

design, tecnica e industria
a cura di
Alberto Bassi, Letizia Tedeschi
23.5 x 16.5 cm, 112 pp.
100 ill. b/n
brossura
italiano, english abstracts
Silvana Editoriale
ISBN 9788836626755
€ 15 / frs 20.–

Acquista

Il volume raccoglie per la prima volta una selezione degli scritti di Marco Zanuso (1916-2001), architetto e designer milanese, scelti tra articoli, relazioni a convegni, conferenze e incontri pubblici, alcuni dei quali inediti. La scelta dei testi mira a testimoniare l’ampiezza degli interessi di Zanuso, che spaziano dalle nuove tecniche di produzione in serie al rapporto tra arte e architettura, dal ruolo della tecnica nel progetto ai metodi di gestione del processo progettuale, e il suo apporto al dibattito architettonico contemporaneo.

Il volume è corredato da illustrazioni di opere e progetti di Zanuso provenienti dal ricco fondo fotografico dell’architetto.

Prefazione di Bruno Reichlin, saggio introduttivo di Roberta Grignolo.

Marco Zanuso
Scritti sulle tecniche

di produzione e di progetto
a cura di

Roberta Grignolo
19 x 24.5 cm, 350 pp.
282 ill. b/n
brossura
italiano
Silvana Editoriale
ISBN 9788836622986
€ 38 / frs 45.–

Acquista

Il volume accoglie testi, in lingua italiana e francese, di autorevoli studiosi e storici dell’architettura: Margherita Azzi Visentini, Martine Boiteux, Stefano Bosi, Francesco Ceccarelli, Gian Paolo Consoli, Blanche de la Taille, Alain Delaval, Elena Dellapiana, Fabrizio di Marco, Rossella Fabiani, Valeria Farinati, Luigi Gallo, Jean-Philippe Garric, Pascal Griener, Cecilia Hurley, Henry Lavagne, Jean-Michel Leniaud, Isabelle Leveque, Carlo Mambriani, Tommaso Manfredi, Fabio Mangone, Susanne Meyer, Odile Nouvel, Susanna Pasquali, Pierre Pinon, Daniel Rabreau, Pier Paolo Racioppi, Francesco Repishti, Marie Richard, Serenella Rolfi, Marc Saboya, Ilaria Sgarbozza, Letizia Tedeschi, Sergio Villari.

L’Architecture de l’Empire

entre France et Italie
a cura di

Letizia Tedeschi, Daniel Rabreau
19 x 24.5 cm, 544 pp.
216 ill. b/n
brossura
francese e italiano
Silvana Editoriale
ISBN 9788836622955
€ 45 / frs 55.–

Acquista

Villa La Saracena, ideata e costruita fra il 1955 e il 1957 sulla costa tirrena di Santa Marinella, vicino a Roma, segna la pienezza del tempo professionale di Luigi Moretti (1907-1973). Di questo capolavoro, il presente volume ripercorre minutamente la storia progettuale e propone un’originale interpretazione fondata sulle categorie critiche della “mediterraneità”, del Barocco e dell’Informale, al centro di un vivace dibattito culturale negli anni Cinquanta. Ne emerge il ruolo di protagonista dello spazio interno, da cui procedono forma e struttura, e da cui promanano movimenti di superfici, modulazioni luministiche, singolari trasmutazioni di materia che sollecitano senza posa la sfera emotiva dell’osservatore.
Prefazione di Bruno Reichlin.

Annalisa Viati Navone
La Saracena di Luigi Moretti
fra suggestioni mediterranee, barocche e informali
19 x 24.5 cm, 324 pp.
257 ill. b/n, 19 ill. col.
brossura
italiano
Silvana Editoriale
ISBN 9788836622979
€ 38 / frs 45.–

Acquista

Questo volume trae origine dal convegno internazionale di studi "Cosa è architetto. Domenico Fontana tra Melide, Roma e Napoli (1543-1607)", tenutosi a Mendrisio nell’autunno 2007. Un’occasione importante per fare il punto sulle conoscenze riguardanti la figura di Domenico Fontana che, famoso in particolar modo per la progettazione di obelischi, ha inaugurato il predominio degli architetti ticinesi sulla scena romana.

Testi di Antonio Becchi, Anna Bedon, Federico Bellini, Costanza Caraffa, Maurizia Cicconi, Giovanna Curcio, Sabina de Cavi, Giovanni Di Maio, Francesco Paolo Fiore, Margherita Fratarcangeli, Fulvio Lenzo, Paolo Mascilli Migliorini, Nicola Navone, Maria Raffaella Pessolano, Isabella Salvagni, Grete Stefani, Letizia Tedeschi, Christof Thoenes, Manuel Vaquero Pineiro, Sergio Villari.

Studi su Domenico Fontana
a cura di

Giovanna Curcio, Nicola Navone,

Sergio Villari
19 x 24.5 cm, 352 pp.
150 ill. b/n
brossura
italiano
Silvana Editoriale
ISBN 9788836622412
€ 38,00 / frs 45.–

Acquista