Università
della
Svizzera
italiana
Accademia
di architettura

 
 

Festival Jazz di Chiasso: gli studenti dell'Accademia progettano l'allestimento della rassegna

04.02.2010

 

Non solo spettatori!

Prosegue la collaborazione avviata nel 2007 tra l'Ufficio Cultura del Comune di Chiasso e l'Accademia di architettura di Mendrisio (Università della Svizzera italiana). Anche quest'anno alcuni studenti dell'ateneo ticinese hanno curato la scenografia e l'arredamento del XIII Festival di cultura e musica jazz dal titolo Fuego che si terrà il 4, 5, 6 febbraio 2010 a Chiasso presso lo Spazio Officina, con un'anteprima al Teatro Sociale di Como il 30 gennaio. 

Una sperimentazione fruttuosa quella avviata in occasione dei dieci anni del Festival, nel 2007, che continua con soddisfazione di tutti. Per il quarto anno, quindi, l'Accademia di architettura è presente al Festival jazz grazie all'impegno dell'Associazione studenti OOA_OhOrganizeArchitecture, composta da Sofia Miccichè e Tommaso Arnaboldi, che avevano già partecipato all'edizione del 2009, affiancati dai compagni Alice Busani, Martin Anzellini e Valerio Botta, in collaborazione con il professor Roberto Favaro, che a Mendrisio tiene un corso su musica e spazio. Senz'altro un'esperienza preziosa per gli studenti che possono partecipare all'allestimento di un evento atteso dal pubblico e che riscuote sempre grande successo anche al di là dei confini nazionali, un appuntamento che offre la possibilità di assistere a una decina di concerti di sicuro interesse. Insomma, se gli scorsi anni gli aspiranti architetti hanno frequentato la rassegna apprezzando i grandi nomi della scena jazz contemporanea, questa volta possono curarne l'allestimento.

Al Fuoco del titolo gli studenti dell'Accademia rispondono con interventi volti a creare un'atmosfera avvolgente, calda, rilassata, familiare, da jazz club, riandando con la memoria a quelle che sono state le origini del jazz. L'elemento predominante è il bancale che viene declinato in modi diversi, offrendo l'opportunità di dare vita a una serie di situazioni. Il bancale diventa così seduta, bancone del bar, ma anche elemento che può irradiare luce e ospitare installazioni sonore. I bancali assumono forme diverse; cambia anche il modo in cui sono raffinati, per dare visibilità e materializzare, mediante quest'elemento ricorrente nell'arredo, un vero e proprio percorso dall'esterno alla zona bar agli spazi del lounge che accolgono i concerti.

L'Associazione studenti OOA_OhOrganizeArchitecture, che promuove conferenze con architetti e storici dell'architettura e che ha intenzione di continuare a fare leva sugli interessi comuni per offrire agli iscritti all'Accademia tutta una serie di iniziative, ha perciò avuto l'occasione di "mettere in mostra" conoscenze e idee nell'ambito di un evento musicale importante. Come dire: quest'anno non solo spettatori!



Informazioni
Amanda Prada
Responsabile comunicazione e conferenze
Accademia di architettura di Mendrisio
tel. +41 58 666 58 69
amanda.prada@usi.ch

 

Programma delle quattro serate del Festival

www.chiassocultura.ch

www.rsi.ch/jazz

Articolo fornito da
USI Feeds