Università
della
Svizzera
italiana
Accademia
di architettura

 
 

Protagonisti dell'architettura svizzera: lezione pubblica di Burkhalter e Sumi

11.03.2010

 

Prosegue il ciclo di eventi pubblici all'Accademia di architettura di Mendrisio (Università della Svizzera italiana) dopo l'inaugurazione della prestigiosa e ricca mostra dedicata a Jean Prouvé. La poetica dell'oggetto tecnico del Vitra Design Museum di Weil am Rhein, che potrà essere visitata fino a venerdì 16 aprile 2010, e dopo una serata incentrata sull'evoluzione e le nuove scoperte con il filosofo della scienza Telmo Pievani che, invitato a Mendrisio dall'Associazione Amici dell'Accademia, ha suscitato grande interesse fra i presenti.
Gli appuntamenti previsti per i mesi di marzo e aprile 2010 saranno affidati a quattro svizzeri celebri: Marianne Burkhalter e Christian Sumi, che lavorano insieme a Zurigo dal 1984, Jürg Conzett, uno degli ingegneri più rinomati dell'area alpina, e il Premio Pritzker Peter Zumthor. Si comincia giovedì 11 marzo 2010 alle ore 20.00 con Burkhalter e Sumi che si racconteranno presentando i lavori più significativi, i progetti in corso e la loro poetica.


L'attenzione dei critici nei confronti della scena architettonica di Zurigo è dovuta a diversi fattori concomitanti: a livello europeo Zurigo è, infatti, una delle poche città che non ha dovuto interrogarsi sul tema della ricostruzione urbana post-bellica e, col suo essere fortemente influenzata dalla sua scuola di architettura, costituisce una voce autorevole nel dibattito internazionale, in particolare sulle questioni riguardanti il rapporto tra architettura e costruzione.


A Zurigo operano anche Marianne Burkhalter e Christian Sumi che hanno sicuramente contribuito ai successi dell'architettura svizzera acquisendo fama internazionale grazie soprattutto agli innovativi edifici in legno e alle originali colorazioni policrome. Come osserva Martin Steinmann, che ha scritto molto sui due progettisti (in maniera particolare all'inizio della loro carriera): "i loro lavori possiedono sensualità e razionalità, opulenza e rigore e un'ambizione architettonica attenuata dalla modestia".


Dopo la laurea, Marianne Burkhalter lavora a Firenze presso Superstudio, poi si trasferisce negli Stati Uniti, prima a New York e in seguito a Los Angeles, allo Studio Works. Svolge inoltre un'intensa attività didattica all'Università di Princeton, alla SCI-Arc di Los Angeles e al Politecnico Federale di Losanna.


Christian Sumi collabora con il gta (Institut für Geschichte und Theorie der Architektur) del Politecnico Federale di Zurigo; anche Sumi si dedicata all'insegnamento in Svizzera e all'estero: all'Harvard University, al Politecnico Federale di Losanna e ancora all'University of Strathclyde di Glasgow.


Dall'anno di fondazione lo studio Burkhalter e Sumi progetta uffici, hotel, case e master-plannings in Svizzera, Germania e Austria. Fra i lavori più significativi menzioniamo l'hotel/ristorante Zürichberg (1995) e l'hotel/ristorante Rigiblick (2004), entrambi a Zurigo; la sede della Sulzer a Winterthur (2001) e gli uffici della Eiche a Lucerna (2008); le Palazzine Wehrenbachhalde a Zurigo (2002) e la torre housing Weberstrasse a Winterthur (2009). Fra le costruzioni in legno segnaliamo l'asilo di Lustenau, in Austria (1994). Attualmente lo studio si occupa di riconversioni di zone industriali e sta lavorando a Zurigo nell'area Giesshübel e nel comune di Volketswil, nel Canton Zurigo, nell'area Forsanose.
Anche l'attività espositiva rientra negli interessi di Burkhalter e Sumi che hanno curato l'allestimento di due mostre negli ultimi anni: Gottfried Semper (Zurigo 2003) e Robots (Zurigo 2009).


Dal 2007 Burkhalter e Sumi insegnano all'Accademia di architettura di Mendrisio.


Nel 2009 Marianne Burkhalter ha dato alle stampe il volume Finding Buildings (Schneidegger & Spiess AG, Zurigo 2009), una raccolta di oltre cento schizzi che ha elaborato nel corso degli anni. Ognuno di questi disegni rivela il germe di un'idea e permette di cogliere con immediatezza il processo creativo e la bellezza delle linee architettoniche.


Finding Buildings è anche il titolo della conferenza che Marianne Burkhalter e Christian Sumi terranno, in lingua inglese, all'Accademia di architettura giovedì 11 marzo 2010. La lezione, aperta a tutti gli interessati, prenderà avvio alle ore 20.00 nell'Aula Magna (pianterreno di Palazzo Canavée, Via Canavée 5, Mendrisio, Svizzera). L'ingresso è gratuito.


Informazioni
Amanda Prada
Responsabile comunicazione e conferenze
Accademia di architettura di Mendrisio
tel. +41 58 666 58 69
amanda.prada@usi.ch

 

 

Articolo fornito da
USI Feeds