Università
della
Svizzera
italiana
Accademia
di architettura

 
 

Non solo spettatori! Appuntamento al Festival Jazz di Chiasso: la scenografia è opera di alcuni studenti dell'Accademia

24.02.2011

 

Prosegue la collaborazione avviata nel 2007 tra l'Ufficio Cultura del Comune di Chiasso e l'Accademia di architettura di Mendrisio (Università della Svizzera italiana). Anche quest'anno alcuni studenti dell'ateneo ticinese hanno curato la scenografia e l'arredamento del XIV Festival di Cultura e Musica Jazz dal titolo Jazz around the Rock che si terrà il 24, 25 e 26 febbraio 2011 a Chiasso presso lo Spazio Officina, con un'anteprima al Teatro Sociale di Como il 19 febbraio. 

Una sperimentazione fruttuosa quella avviata in occasione dei 10 anni del Festival, nel 2007, che continua con soddisfazione di tutti. L'Accademia di architettura è di nuovo presente al Festival Jazz grazie all'impegno di alcuni studenti degli ultimi anni, Tommaso Arnaboldi, Alice Busani, Léo Collomb e Rubén Valdez, in collaborazione con il professor Roberto Favaro, che a Mendrisio tiene un corso sullo spazio sonoro. Senz'altro un'esperienza preziosa per gli studenti, che possono partecipare all'allestimento di un evento atteso dal pubblico e che riscuote grande successo anche di là dai confini nazionali.

L'elemento centrale quest'anno è una grande lampada di 6 metri di diametro attorno e sotto alla quale si concentra, si sviluppa, si snoda il mondo festivaliero. Situata al centro del padiglione antistante lo Spazio Officina, regna sul luogo concentrando su di sé tutti gli sguardi. Alla maniera del fuoco intorno al quale si realizzavano tutte le attività delle tribù arcaiche, la grande lampada progettata dagli studenti dell'Accademia diventa l'elemento chiave della scenografia del Festival, che si ritrova nello Spazio Officia, sul palco degli artisti, per un diametro solo di poco inferiore alla sua "sorella" (4 metri invece di 6), dotata però di effetti coloristici e di accentuazione ritmica.

Nel piazzale che permette di accedere allo Spazio Officina grandi elementi circolari che ricordano degli orologi abbandonati in strada (lo slogan Jazz around the Rock potrebbe forse sfociare in un Jazz around the Clock) guideranno i visitatori in un percorso di oscillazioni avanti/indietro. La grande lampada, poi, si rivelerà già da lontano, quasi un sole o un'orbita che attira verso la musica.

Inoltre, anche alcuni elementi dell'arredo, assemblati con materiali riciclati, si rifanno al concetto dell'around.

La novità per il 2011 riguarda il dj-set: giovedì 24 febbraio, intorno alla mezzanotte, è di scena OOA_OhOrganizeArchitecture, l'Associazione degli studenti dell'Accademia con la sua musica.


Programma
www.chiassocultura.ch


Press Office
Amanda Prada
Responsabile comunicazione e conferenze
Accademia di architettura di Mendrisio
T +41 (0)58 666 58 69
amanda.prada@usi.ch

Articolo fornito da
USI Feeds