Università
della
Svizzera
italiana
Accademia
di architettura

 
 

La mostra sul "Bagno di Bellinzona" al Castelgrande

17.05.2011

 

Mercoledì 13 aprile 2011, alle ore 18.00, avrà luogo al Castelgrande di Bellinzona l'inaugurazione della mostra Il Bagno di Bellinzona di Aurelio Galfetti, Flora Ruchat-Roncati, Ivo Trümpy.

La mostra, a cura di Nicola Navone e Bruno Reichlin, è stata promossa e organizzata dall'Accademia di architettura e dall'Archivio del Moderno di Mendrisio, con la collaborazione dell'Ente del Turismo di Bellinzona e dintorni e il sostegno della Città di Bellinzona.

Dopo essere stata presentata alla Galleria dell'Accademia nell'autunno del 2009, la mostra approda ora al Castelgrande di Bellinzona, a poca distanza dall'opera ch'essa documenta analiticamente.

"Il Bagno di Bellinzona è stato realizzato quasi 40 anni fa" osserva il Direttore dell'Accademia di architettura di Mendrisio, l'architetto Valentin Bearth: "Ancora oggi rappresenta un riferimento chiaro e preciso: rifacendosi al tracciato delle antiche fortificazioni cittadine ed estendendosi simbolicamente nella piana fino al fiume Ticino, testimonia di una grande sensibilità verso il territorio nel quale si inserisce, sensibilità che emerge proprio in quegli anni, mentre più recentemente si è un po' persa. In Ticino, infatti, dal 1970 si è costruito molto e non sempre il rapporto fra intervento architettonico e paesaggio è stato rispettato e valorizzato. È quindi interessante confrontarsi con un'opera esemplare a livello nazionale ed internazionale come il Bagno e (tornare a) riflettere sulle interrelazioni fra la singola opera di architettura e il suo contesto. Ci auguriamo che questa mostra susciti l'attenzione della città di Bellinzona per un'opera che va sicuramente salvaguardata".

Allestita nel foyer e nella sala Arsenale del Castelgrande di Bellinzona, la mostra sarà inaugurata mercoledì 13 aprile 2011 alle ore 18.00 e potrà essere visitata tutti i giorni da giovedì 14 aprile a domenica 19 giugno 2011, dalle ore 10.00 alle 18.00. L'ingresso è gratuito.

 

Allegati

invito.pdf

Articolo fornito da
USI Feeds