Università
della
Svizzera
italiana
Accademia
di architettura

 
 

Lezione annuale dell'Associazione Amici dell'Accademia: "Perché gli esseri umani sono speciali? Cervello, coscienza e credenze"

12.05.2011

 

Giovedì 12 maggio 2011 alle ore 20.00 all'Accademia di architettura di Mendrisio (Università della Svizzera italiana) si terrà la lezione annuale dell'Associazione Amici dell'Accademia di architettura. Gli ospiti, gli scienziati Arnaldo Benini e Mario De Caro, dialogheranno intorno al tema Perché gli esseri umani sono speciali? Cervello, coscienza e credenze. Per motivi di salute il professor Giorgio Vallortigara - la cui presenza era stata inizialmente annunciata - non potrà partecipare all'incontro. 
La serata, rivolta a tutti gli interessati, sarà introdotta dal Direttore dell'Accademia, Valentin Bearth, e dalla Presidente dell'Associazione Amici, Lorenza Noseda.


Negli scorsi anni l'Associazione Amici dell'Accademia di architettura ha promosso incontri con altri illustri protagonisti del dibattito contemporaneo come, per esempio, il filosofo della scienza Telmo Pievani o Giulio Giorello, autorevole voce della cultura filosofica e scientifica italiana e attivo promotore del dialogo tra laicità e fede.


Arnaldo Benini, originario di Ravenna, è stato primario della Clinica neurochirurgica della Fondazione Schulthess di Zurigo, nonché professore di neurochirurgia vertebro-midollare presso l'Università di Zurigo.
È autore di numerosi saggi dedicati al rapporto mente-cervello, al problema dell'afasia nei poliglotti, all'eutanasia nella coscienza del medico, ai problemi etici della genetica e dello stato vegetativo permanente. Del 2009 è Che cosa sono io. Il cervello alla ricerca di sé stesso (Garzanti) che indaga uno dei grandi enigmi della natura: quello della coscienza.
Di vasti interessi umanistici, Benini ha pure scritto su Benedetto Croce e Karl Popper. Del 2010 è, invece, Thomas Mann, Jakob Wassermann e la questione ebraica (Edizioni di Storia e Letteratura) che analizzando il carteggio fra i due grandi narratori tedeschi testimonia di come la stessa realtà (l'antisemitismo montante nella Germania degli anni '20) fosse percepita con consapevole terrore da Wassermann, ma negata ostinatamente fin quasi alla fine da Mann.

Mario De Caro è professore di filosofia morale all'Università di Roma Tre. Dal 2000 è anche docente alla Tufts University (Massachusetts), mentre in passato è stato Fulbright Fellow alla Harvard University. Presidente della Società Italiana di Filosofia Analitica e membro del Comitato Esecutivo della Consulta Filosofica Italiana, si occupa di filosofia morale, teoria dell'azione, filosofia della mente e neuroetica.
De Caro è autore di numerosi volumi: Dal punto di vista dell'interprete (Carocci 1998), Il libero arbitrio (Laterza 2004), Azione (Il Mulino 2008), Cosa vuol dire essere liberi? (Laterza, in preparazione). Ha altresì curato o co-curato Interpretations and Causes (Kluwer 1999), Logica della libertà (Meltemi 2002), Normatività, fatti, valori (Quodlibet 2003), La mente e la natura (Fazi 2005), Cartographies of the Mind (Springer 2007), Scetticismo. Una vicenda filosofica (Carocci 2007), Normativity and Naturalism (Columbia UP 2010), Siamo davvero liberi? Le neuroscienze e il mistero del libero arbitrio (Codice 2010), Architecture of Knowledge. Epistemology, Agency and Science (Carocci 2010), Continenti filosofici. La filosofia analitica e le altre tradizioni (Carocci, in corso di stampa), Storia del concetto di libero arbitrio (Carocci, in preparazione) e Philosophy in an Age of Science (collezione di saggi di Hilary Putnam, Harvard UP, in corso di stampa).


L'incontro pubblico con Arnaldo Benini e Mario De Caro dal titolo Perché gli esseri umani sono speciali? Cervello, coscienza e credenze si terrà giovedì 12 maggio 2011 alle ore 20.00 nell'Aula Magna dell'Accademia di architettura (pianterreno di Palazzo Canavée, Via Canavée 5, Mendrisio, Svizzera). L'ingresso è gratuito.


L'Associazione Amici dell'Accademia di architettura

L'Associazione Amici dell'Accademia di architettura di Mendrisio promuove dal 1996 borse di studio per studenti stranieri meritevoli; promuove inoltre studi e ricerche di particolare interesse culturale e la pubblicazione dei loro esiti presso le Edizioni dell'Accademia.
L'Accademia di architettura coglie pertanto l'occasione per ringraziare l'Associazione per il costante interesse e l'appoggio.

L'Associazione Amici dell'Accademia di architettura si riunirà per la consueta Assemblea generale giovedì 12 maggio 2011 alle ore 18.00 presso l'Accademia, in Villa Argentina (Largo Bernasconi 2, Mendrisio, Svizzera), prima del colloquio fra Benini e De Caro.



Press Office
Amanda Prada
Responsabile comunicazione e conferenze
Accademia di architettura di Mendrisio
T +41 (0)58 666 58 69
amanda.prada@usi.ch

Articolo fornito da
USI Feeds