Eventi
28
Maggio
2024
28.
05.
2024
29
Maggio
2024
29.
05.
2024
10
Maggio
2025
10.
05.
2025

Storie di successo

Stefano Belingardi Clusoni

Founder & Architect, BE.ST Belingardi Stefano Architect

In order to help current students and recent graduates to find their way in the working world, many of our alumni shared their career story. Here the story of Stefano Belingardi Clusoni, Founder and Architect of BE.ST Belingardi Stefano Architect in Milan. USI Degree: Master in Architecture, 2012.
How did you start your career?
Stefano Belingardi Clusoni was born in Milan in 1987. He graduated from the Academy of Architecture in Mendrisio, Switzerland. He got an award for the Diploma project from the SIA A&C (architecture & culture) Jury.
In 2007 he worked at EMBT Miralles Tagliabue office in Barcelona, Spain and in 2009 at Cino Zucchi Architetti office in Milan, Italy. In 2010 he was selected for an Erasmus program at the Charles Rennie Mackintosh School of Art in Scotland were he got the bachelor. In 2011 he worked for Daniel Libeskind’s studio and in 2012 still for EMBT Miralles Tagliabue: he lived one year in Shanghai, China.
In 2013 with the winning of an international competition he founded his own studio BE.ST Belingardi Stefano Architect that today follows international scale projects in Italy and abroad. In 2020 he was selected within the best architects under 40 in Italy.

Paolo Catrambone

Durante gli studi all’Accademia di Mendrisio e nei primi anni dopo il Diploma ho vissuto esperienze lavorative molto diverse, viaggiando tra Spagna, Portogallo, Giappone e Svizzera. Nel 2018 mi sono trasferito a Basilea, dove oggi lavoro come project architect nello studio di Jacques Herzog e Pierre de Meuron. Gli anni trascorsi in Accademia sono stati cruciali nel mio percorso di crescita personale e professionale. L’approccio didattico della scuola, generalista e umanista, mi ha reso consapevole delle responsabilità del nostro mestiere e di quanto una visione dell’architettura come pratica culturale possa essere importante nella società contemporanea. Durante gli anni di studio ho avuto l’opportunità di lavorare a Lisbona, dapprima nello studio di Gonçalo Byrne poi in quello di João Nunes. L’incontro con il Portogallo ha dato una base molto solida alla mia formazione, avvicinandomi ai temi della città, dei vuoti e del paesaggio che oggi, a distanza di anni, sento radicati nel mio pensiero progettuale. L’incontro con l’architettura portoghese e con la grande generosità dei suoi professionisti è stato possibile anche grazie all’anno di pratica previsto dalla scuola. È con piacere che oggi mi rendo conto dell’importanza che questo periodo di tirocinio obbligatorio riveste nell’offerta formativa dell’Accademia. Lavorare per almeno un anno, durante gli studi, consente innanzitutto un primo confronto con la realtà della professione, aiuta poi a chiarire i propri interessi ed è infine una grande occasione per costruire relazioni in un mondo entusiasmante ma anche molto impegnativo.

Valentina Moretti

Conseguito il Diploma all’Accademia, ho avviato il mio percorso professionale prima in Svizzera, nello studio di Mario Botta, poi negli Stati Uniti, a New York, negli studi di Richard Meier e Anderson Architects. Nel 2009 sono tornata in Italia per occuparmi dell’azienda di famiglia e dedicarmi, in particolare, allo sviluppo di un progetto innovativo che utilizza la prefabbricazione nell’edilizia residenziale e di qualità. Nasce così More, di cui oggi sono direttore creativo, che nel 2015 riceve il premio ADI Index per l’Innovazione. Negli ultimi anni, More ha integrato nei propri servizi l’architettura di interni, occupandosi di residenze private, hotel, ristoranti ed edifici pubblici. Anno dopo anno ho avuto la possibilità di ampliare il mio ruolo in azienda, sino alla nomina di Vicepresidente di Moretti spa, occupandomi anche dell’organizzazione del lavoro e delle politiche del personale.

Giorgio Villa

Architetto, risiede a Londra, ha conseguito un Bachelor e un Master of Science all’Accademia di architettura di Mendrisio, dove ha studiato sotto la guida di Mario Botta e Peter Zumthor. Dopo la laurea ha maturato un’esperienza internazionale in Italia, Giappone, Svizzera, Stati Uniti e Regno Unito lavorando su progetti assai vari, dalla scala domestica alle infrastrutture. Dal 2012 al 2014 ha lavorato a New York da Richard Meier & Partners, dedicandosi a progetti internazionali su grande scala, come l’Hotel Jesolo recentemente completato in Italia e la nuova sede di Engel & Völkers ad Amburgo. Il progetto più importante cui ha preso parte sono state le Reforma Towers, un complesso di quasi 10.000 m2 destinato a uffici e hotel nel centro di Città del Messico. Nel 2015 è entrato nell’ufficio londinese di Foster + Partners, dove ha partecipato alla realizzazione di diversi progetti importanti, come l’ampliamento del nuovo aeroporto internazionale di Doha, il complesso Two Central Square a Cardiff e le Shams Towers ad Abu Dhabi. Ha anche fatto parte del team che ha progettato la nuova generazione dell’Apple Global Flagship Store, sviluppando un innovativo tetto in fibra di carbonio.

Yashar Yashar

Nato nel 1993 a Teheran (Iran), dopo aver vissuto in Messico, Svizzera e Olanda nel 2017 si è diplomato all’Accademia di architettura dell’USI a Mendrisio. Nel 2018 ha iniziato la collaborazione con Ruben Valdez, anch’egli diplomato in Accademia nel 2011. Lo studio Yektajo & Valdez ha realizzato numerosi progetti, principalmente residenziali e turistici, nelle Americhe e in Europa.