Eventi
28
Maggio
2024
28.
05.
2024
10
Maggio
2025
10.
05.
2025

No name

Augusto Guidini  di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini  di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini  di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini  di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini  di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini  di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini  di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press
Augusto Guidini di Barbengo. Architetto, giornalista, politico, Mendrisio Academy Press

Augusto Guidini (1853-1928) viene annoverato tra i pionieri svizzeri della storiografia e della salvaguardia dell’arte, nonché tra i maggiori architetti eruditi del suo tempo, accanto a Gottfried Semper, Karl Moser e Hans Bernoulli. Un riconoscimento non ancora accompagnato, però, da un’adeguata valutazione storiografica. La Biblioteca dell’Accademia di architettura, che custodisce tra i tanti lasciti librari di architetti celebri anche la biblioteca professionale di Augusto Guidini, promuove ora questo primo studio monografico sull’operato dell’architetto ticinese: arricchito di un completo e dettagliato atlante delle opere, riunisce diversi contributi che ricostruiscono il percorso umano e professionale di questo versatile artista, raffinato disegnatore e intellettuale di spicco della sua epoca.

Testi di Riccardo Bergossi, Stefania Bianchi, Valeria Farinati, Arnaldo Guidini, Chiara Lumia, Ornella Selvafolta, Angela Windholz.

Augusto Guidini di Barbengo. Architetto, giornalista, politico

a cura di
Angela Windholz
24 x 34 cm, 160 pp.
37 ill. col., 84 ill. b/n
brossura
italiano
Edizioni Casagrande
ISBN 9788877137272
€ 42 / frs 45.–

 


Contattaci
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957, Mendrisio Academy Press

Questo quarto numero dei Quaderni del corso di Bachelor “Sistemi e processi della costruzione” è dedicato a un progetto di Tita Carloni e Luigi Camenisch, l’Albergo Arizona di Lugano (1955-1957). Edificio sul quale gli allievi di secondo anno dell’Accademia di architettura, guidati dal professore Franz Graf, hanno svolto un esercizio che si è articolato nella raccolta e nell’analisi della documentazione originale, nel ridisegno dei piani costruttivi e nella produzione di assonometrie e modelli costruttivi in scala. Una selezione del materiale raccolto per il corso – disegni originali e foto d’epoca – accanto a una lettura storica, a un’analisi strutturale e a una scelta degli elaborati degli studenti, compone questo opuscolo, che non solo vuole testimoniare la presenza sul territorio ticinese di un’architettura di valore, ma fornire anche agli operatori preposti alla sua salvaguardia spunti per eseguire in modo adeguato ogni intervento di manutenzione o restauro.

Tita Carloni con Luigi Camenisch. Albergo Arizona, 1955-1957

a cura di
Franz Graf, Britta Buzzi-Huppert
21 x 29.5 cm, 48 pp.
35 ill. b/n.
brossura
italiano / inglese
ISBN 9788887624731
€ 18 / frs 20.–

Esaurito


Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture
Diploma 2015 13 Topics of Architecture

I 123 progetti degli studenti diplomati nel 2015 all’Accademia di architettura di Mendrisio con Manuel e Francisco Aires Mateus, Walter Angonese, Michele Arnaboldi, Valentin Bearth, Martin Boesch, Mario Botta, Marianne Burkhalter e Christian Sumi, Antonio Citterio, Atelier Grafton, Quintus Miller, João Nunes and João Gomes, Valerio Olgiati, Jonathan Sergison.

Diploma 2015. 13 Topics of Architecture

21 × 21 cm, 288 pp.
600 ill. b/n
brossura
italiano / inglese
ISBN 9788887624755
€ 18 / frs 20.–

Sfoglia


Contattaci
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2014-2015, Mendrisio Academy Press

28 atelier di progettazione, 90 corsi, 100 docenti, 97 assistenti, 791 studenti: un anno di attività all’Accademia di architettura di Mendrisio.

Rapporto sull'attività didattica 2014-2015

21 × 21 cm, 328 pp.
500 ill. b/n
brossura
italiano / inglese
ISBN 9788887624700
€ 18 / frs 20.–


Contattaci
La progettualità dello sguardo. Fotografie di paesaggio di Gabriele Basilico, Mendrisio Academy Press
La progettualità dello sguardo. Fotografie di paesaggio di Gabriele Basilico, Mendrisio Academy Press
40671884607da2d1bb1ab78d3ac8b86f.jpeg
8a162d3182a776231813fddb8656a355.jpeg
323fe1e3e0b592fd32b252ac28fc1168.jpeg
6c7880c34891340150f2daa5a16aa3a0.jpeg
e496dc1f0069a2a5fa63654a2dde2af5.jpeg
c92afe850759ac661a307877fd61c547.jpeg
8169fc0fb39e0ec1a5f3f2d7b7c4ec44.jpeg

Il volume raccoglie i lavori di Gabriele Basilico (1944-2013) che, dedicati al tema del paesaggio, ne evidenziano lo sguardo “progettuale”: il fotografo, infatti, architetto di formazione, era particolarmente interessato ai problemi legati all’urbanistica, nonché allo sviluppo e alla trasformazione dell’ambiente naturale. La raccolta sia apre con una selezione di fotografie appartenenti al ciclo Bord de Mer, lavoro realizzato a metà degli anni Ottanta e che ha fatto conoscere Basilico in ambito internazionale: una ricerca in cui si evidenzia, tra l’altro, uno stretto rapporto con la storia dell’arte, in particolare con i vedutisti del Settecento. Un’ampia selezione è poi riservata a due gruppi di lavori realizzati in Svizzera: uno dedicato agli interventi architettonici di Luigi Snozzi a Monte Carasso (Locarno), l’altro al paesaggio del passo del San Gottardo, letto come arteria vitale tra il Nord e il Sud dell’Europa.

Testi di Angela Madesani, Giovanna Calvenzi, João Nunes, Luigi Snozzi.

La progettualità dello sguardo. Fotografie di paesaggio di Gabriele Basilico

a cura di
Marco Della Torre
23.5 x 16.5 cm, 128 pp.
60 ill. b/n
brossura
italiano / inglese
Silvana Editoriale
ISBN 9788836633210
€ 22 / frs 25.–

Esaurito


Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo, Mendrisio Academy Press
Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo, Mendrisio Academy Press
Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo, Mendrisio Academy Press
Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo, Mendrisio Academy Press
Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo, Mendrisio Academy Press
Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo, Mendrisio Academy Press
Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo, Mendrisio Academy Press
Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo, Mendrisio Academy Press

Il tema del volume è la definizione del rapporto tra comunità e lavoro in ambito alpino e prealpino. L’ambiente delle Alpi, infatti, ha determinato forme specifiche di organizzazione del lavoro e della proprietà, per esempio enfatizzando il ruolo della gestione collettiva dei beni fondiari, ma, al tempo stesso, l’organizzazione del lavoro ha modificato e connotato diversamente la vita delle comunità montane rispetto a quella delle comunità di pianura. Le aree alpine fornivano opportunità non sempre presenti altrove: attività di sfruttamento dei boschi e delle acque, di guida e di someggiatura legate ai passi e ai transiti di viaggiatori, erano solo alcuni degli ambiti di lavoro possibili in queste zone. I testi che il lettore troverà nel volume sono stati organizzati in cinque sezioni: la prima dedicata alle necessità collettive e alle risorse locali, la seconda all’organizzazione del lavoro, la terza agli scambi e al commercio, la quarta alle infrastrutture e, infine, in funzione comparativa e di confronto, una quinta sezione rivolta ad “altre montagne”. 

Montagne, comunità e lavoro tra XIV e XVIII secolo

a cura di
Roberto Leggero
14.5 x 19 cm, 260 pp.
27 ill. b/n
brossura
italiano
ISBN 9788887624724
€ 20 / frs 20.–


Open Access Contattaci
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press
Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture, Mendrisio Academy Press

Negli ultimi vent’anni il tema della forma in architettura è diventato uno dei più dibattuti e controversi, sia in ambito pubblico sia professionale. In pochi si sono soffermati su questo argomento con l’intensità e l’acume di Frei Otto (Premio Pritzker 2015), che attraverso il concetto di form-finding intendeva che la forma, anziché creata, dovesse essere “lasciata divenire”, come succede con una pellicola di sapone.
Questo libro riesamina il problema approfondendo la proposta di Frei Otto e insieme adottando prospettive diverse, che spaziano dalla ricerca ingegneristica alla creazione di modelli sperimentali, per giungere alle riflessioni critico-ideologiche di Oswald Mathias Ungers e Rem Koolhaas.

Testi di Elisabeth Bergmann, Daniela Fabricius, Roberta Grignolo, Sonja Hildebrand, Sean Keller, Kurt Möser, Gabriele Neri, Stefan Neuhäuser con Martin Weickgenannt, Christoph Witte, Walter Haase, Oliver Sawodny e Werner Sobek, Lara Schrijver.

Form-Finding, Form-Shaping, Designing Architecture. Approcci sperimentali, estetici ed etici alla forma in architettura, dal dopoguerra ad oggi

a cura di
Sonja Hildebrand, Elisabeth Bergmann
19 x 24,5 cm, 180 pp.
56 ill. col., 51 ill. b/n
brossura
italiano, inglese
Silvana Editoriale
ISBN 9788836632657
€ 32 / frs 35.–


Acquista Open Access
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton. L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press
Kenneth Frampton. L'altro Movimento Moderno, Mendrisio Academy Press

Questo volume nasce da una serie di lezioni tenute dall’autore a Mendrisio, all’Accademia di architettura dell’Università della Svizzera italiana. Le lezioni sono state concepite per compensare la tendenza a semplificare eccessivamente la complessità culturale del cosiddetto Movimento Moderno, che oggi ci appare assai variegato nelle sue molteplici manifestazioni. Molti degli autori delle opere affrontate in questa raccolta, nonostante adottino una sintassi apparentemente comune, sembrano infatti aver affrontato il compito del costruire sulla base di valori propri e impiegato modelli e metodi relativamente aperti, sia in senso tecnologico sia socio-culturale. Da ciò deriva la tesi qui sostenuta, vale a dire che se da una parte certe opere possono essere comprese nella categoria di un astrattismo generico, dall’altra rivelano ciascuna una sottile declinazione in risposta al contesto nel quale si situano, nonostante in tutte si ricorra al dogma del tetto piano, accompagnato da un sistema strutturale in acciaio o cemento armato e da ampie superfici vetrate.
Il libro è organizzato in diciotto capitoli dedicati ciascuno a un architetto (da Rudolf Schindler ad Arne Jacobsen, da Richard Neutra a Max Bill, da Johannes Duiker a Jaromír Krejcar, passando per Eileen Gray, Willem Marinus Dudok, Louis Herman De Koninck, Pierre Chareau, Sigurd Lewerentz, Evan Owen Williams, Antonin Raymond, Erich Mendelsohn, Berthold Lubetkin, Vilhelm Lauritzen, Max Ernst Haefeli & Werner Moser, Alejandro De la Sota), del quale si dà una breve introduzione storico-biografica prima di analizzarne in particolare un’opera di riferimento. Accompagna il testo un ricchissimo apparato di immagini.
Kenneth Frampton (1930) è uno dei maggiori teorici e critici di architettura. Professore alla Columbia University di New York, ha insegnato anche nelle maggiori istituzioni accademiche, tra cui il Royal College of Art di Londra, i Politecnici di Zurigo e Losanna, il Berlage Institute di Amsterdam e l’Accademia di architettura di Mendrisio. È autore, tra l’altro, di una "Storia dell’architettura moderna" (Zanichelli), tradotta in tutto il mondo e divenuta un classico della storiografia.

Pierre-Alain Croset: «Libro dopo libro, Kenneth Frampton fa precise scelte di campo nel difendere e riaffermare la validità del progetto moderno, ma anche nel sostenere la necessità di analizzare criticamente le opere architettoniche come forma costruita, capace di produrre qualità di esperienza e innovazione programmatica».
Vittorio Gregotti: «Credo che questa operazione critica sia proprio oggi particolarmente importante di fronte sia ai resti del postmodernismo sia a quelli del decostruzionismo».

Kenneth Frampton, L'altro Movimento Moderno

a cura di
Ludovica Molo
19 x 24,5 cm, 348 pp.
604 ill. b/n
brossura olandese
italiano
Silvana Editoriale
ISBN 9788836630745
€ 42 / frs 45.–


Acquista
Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire, Mendrisio Academy Press
Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire, Mendrisio Academy Press
Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire, Mendrisio Academy Press
Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire, Mendrisio Academy Press
Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire, Mendrisio Academy Press
Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire, Mendrisio Academy Press
Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire, Mendrisio Academy Press
Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire, Mendrisio Academy Press

Costretto a lasciare Bucarest nel 1948, Ionel Schein (1927-2004) trova asilo politico a Parigi, dove la sua biografia si intreccia a quella di alcuni protagonisti della scena architettonica del tempo, come Georges-Henri Pingusson, Le Corbusier, Jean Prouvé e Bruno Zevi, con i quali stringe rapporti duraturi che vanno dalla filiazione intellettuale alla collaborazione professionale. I suoi progetti sono caratterizzati da un disegno unitario in cui s’inseriscono elementi prefabbricati leggeri e da un impianto distributivo capace di evolvere nel tempo insieme alle esigenze degli abitanti. In questo programma si annoverano prototipi avveniristici come la prima Casa in plastica, residenza unifamiliare smontabile e leggera, interamente realizzata impiegando materiali di sintesi dai colori pop. Questo volume propone una lettura dell’opera di Schein attingendo direttamente all’archivio dell’architetto, fino ad oggi quasi del tutto inesplorato.

Prefazione di Carlo Olmo. Postfazione di Claude Parent.

Silvia Berselli, Ionel Schein. Dall'habitat evolutivo all'architecture populaire

19 x 24,5 cm, 232 pp.
209 ill. b/n
brossura
italiano
Silvana Editoriale
ISBN 9788836631438
€ 29 / frs 29.–


Acquista Open Access
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press
Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971, Mendrisio Academy Press

Il terzo numero dei Quaderni del corso di Bachelor “Sistemi e processi della costruzione” è dedicato a un edificio residenziale di vaste dimensioni, Villa Gerosa, progettato da Tita Carloni ed edificato a Rancate, nel Mendrisiotto (1967-1971). Edificio sul quale gli allievi di secondo anno dell’Accademia di architettura, guidati dal professore Franz Graf, hanno svolto un esercizio che si è articolato nella raccolta e nell’analisi della documentazione originale, nel ridisegno dei piani costruttivi e nella produzione di assonometrie e modelli costruttivi in scala. Una selezione del materiale raccolto per il corso – disegni originali e foto d’epoca – accanto a una lettura storica, a un’analisi strutturale e a una scelta degli elaborati degli studenti, compone questo opuscolo, che non solo vuole testimoniare la presenza sul territorio ticinese di un’architettura di valore, ma fornire anche agli operatori preposti alla sua salvaguardia spunti per eseguire in modo adeguato ogni intervento di manutenzione o restauro.

Tita Carloni. Villa Gerosa, 1967-1971

a cura di
Franz Graf, Britta Buzzi-Huppert
21 x 29.5 cm, 48 pp.
39 ill. b/n.
brossura
italiano / inglese
ISBN 9788887624670
€ 15 / frs 20.–

Esaurito


Diploma 2014 Città Ticino, Mendrisio Academy Press
Diploma 2014 Città Ticino, Mendrisio Academy Press
Diploma 2014 Città Ticino, Mendrisio Academy Press
Diploma 2014 Città Ticino, Mendrisio Academy Press
Diploma 2014 Città Ticino, Mendrisio Academy Press
Diploma 2014 Città Ticino, Mendrisio Academy Press
Diploma 2014 Città Ticino, Mendrisio Academy Press
Diploma 2014 Città Ticino, Mendrisio Academy Press

I 99 progetti degli studenti diplomati nel 2014 all’Accademia di architettura di Mendrisio con Manuel e Francisco Aires Mateus, Walter Angonese, Michele Arnaboldi, Valentin Bearth, Martin Boesch, Mario Botta, Marianne Burkhalter e Christian Sumi, Marc Collomb, Yvonne Farrell e Shelley McNamara, Quintus Miller, Valerio Olgiati, Jonathan Sergison.

Diploma 2014. Città Ticino

21 × 21 cm, 240 pp.
600 ill. b/n
brossura
italiano / inglese
ISBN 9788887624687
€ 14 / frs 20.–

Sfoglia


Contattaci
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Francesco Venezia, Mendrisio Academy Press

«Tanti anni fa rimasi colpito da una conferenza del filosofo tedesco Hans Robert Jauss, il quale sostenne che nella vita … è importante prepararsi … Capii che bisogna sempre lavorare sodo e che anche in assenza di prospettive concrete il punto importante è essere preparati. Come sappiamo, l’idea di un progetto preesiste, in qualche misura, alle occasioni di tempo e luogo, e ciò rende a maggior ragione utile per noi architetti il suggerimento filosofico di Jauss, perché ci ricorda che prepararsi è una forma di progettualità» (Francesco Venezia).

Quarantotto pagine: Francesco Venezia

14,5 × 19 cm, 52 pp.
11 ill. b/n, 8 ill. col.
brossura
italiano / inglese
Silvana Editoriale
9788836630691
€ 10 / frs 12.–


Acquista
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy PressRapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press
Rapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy PressRapporto sull'attività didattica 2013-2014, Mendrisio Academy Press

30 atelier di progettazione, 85 corsi, 94 docenti, 110 assistenti, 764 studenti: un anno di attività all’Accademia di architettura di Mendrisio.

Rapporto sull'attività didattica 2013-2014

21 × 21 cm, 328 pp.
505 ill. b/n
brossura
italiano / inglese
ISBN 9788887624663
€ 14 / frs 20.–


Contattaci
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press
Quarantotto pagine: Hélène Binet, Mendrisio Academy Press

«Le fotografie di Hélène Binet pongono interrogativi affascinanti sulle relazioni fra soggetto osservato e intenzione artistica, entità e dettaglio, spazio e atmosfera, materialità e illuminazione, realtà e immagine. Le costruzioni … si trasformano in paesaggi, mentre i paesaggi diventano intime superfici tattili, pelle invecchiata di un essere vivente. Persino l’aria tende ad assumere tratti di materia solida; il cielo, proiettando un senso di gravità e opacità, non è più un vuoto. Le immagini di Hélène accentuano gli aspetti materiali, come se dovessimo percepirle attraverso il tatto anziché con la vista» (Juhani Pallasmaa).

Quarantotto pagine: Hélène Binet

a cura di
Daniela Mondini
14,5 × 19 cm, 68 pp.
22 ill. b/n, 1 ill. col.
brossura
italiano / inglese
Silvana Editoriale
9788836630707
€ 10 / frs 12.–

Esaurito


«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press
«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo. Light and Darkness in 20th Century Architecture, Mendrisio Academy Press

«L’architecture est le jeu savant, correct et magnifique des volumes assemblés sous la lumière». Alludendo alla celeberrima affermazione di Le Corbusier del 1923, questa raccolta di saggi sollecita una riflessione critica sulla relazione tra luce e architettura, a livello teorico e progettuale. L’avvio è dato da una discussione sui problemi della rappresentazione, nei diversi media (disegno, fotografia, cinema), degli effetti luministici nello spazio architettonico. Si prende poi in esame il rapporto tra progettazione e teorie igieniste, soffermandosi in particolare su quelle che maggiormente esercitarono il loro influsso sulla scelta dell’orientamento e dell’esposizione alla luce dell’edificio. Sul fronte tecnologico, infine, lo sguardo è volto agli esiti progettuali seguiti all’introduzione di diversi dispositivi di modulazione della luce naturale, come pure alle molteplici possibilità offerte ai progettisti dalle nuove tecnologie per l’illuminazione artificiale.

Testi di Katrin Albrecht, Charlotte Ashby, Marcel Bächtiger, Daniel A. Barber, Silvia Berselli, Matthias Brunner, Marco Di Nallo, Valeria Farinati, Ruth Hommelen, Margaret Maile Petty, Éric Monin, Dietrich Neumann, Mary Reid Brunstrom, Lutz Robbers, Giuliana Scuderi, Nathalie Simonnot, Daniel Siret, Marie Theres Stauffer, Simona Talenti, Annarita Teodosio.

«Le jeu savant». Luce e oscurità nell'architettura del XX secolo / Light and Darkness in 20th Century Architecture

a cura di
Silvia Berselli
Matthias Brunner
Daniela Mondini
19 x 24.5 cm, 280 pp.
130 ill. b/n
brossura
italiano, inglese, francese
Silvana Editoriale
ISBN 9788836629817
€ 32 / frs 40.–


Acquista Open Access
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press
BSI Swiss Architectural Award 2014, Mendrisio Academy Press

Quarta edizione 2014
Vincitore
José María Sánchez García (Spagna)
Candidati
Boyd Cody Architects, Irlanda; Arno Brandlhuber, Germania; Tom de Paor, Irlanda; Anne Feenstra, Afghanistan, India, Nepal; Toni Gironès, Spagna; Hall McKnight, Irlanda del Nord; Go Hasegawa, Giappone; Akihisa Hirata, Giappone; Hollmén Reuter Sandman, Finlandia; Höweler + Yoon Architecture, Stati Uniti; Kumiko Inui, Giappone; johnstonmarklee, Stati Uniti; Carla Juaçaba, Brasile; Lassila Hirvilammi Architects / OOPEAA, Office for Peripheral Architecture, Finlandia; LTL Architects, Stati Uniti; MAP Studio-Magnani Pelzel architetti associate, Italia; onishimaki + hyakudayuki architects, Giappone; Sameep Padora, India; Smiljan Radic, Cile; Camilo Restrepo, Colombia; Rintala Eggertsson Architects, Norvegia; Mauricio Rocha, Messico; Sergison Bates Architects, Inghilterra; Studio Weave, Inghilterra; TYIN tegnestue Architects Trondheim, Norvegia; Raphael Zuber, Svizzera

BSI Swiss Architectural Award 2014

a cura di
Nicola Navone
24 x 24 cm, 180 pp.
287 ill. col., 77 ill. b/n
brossura con cofanetto
italiano / inglese
Silvana Editoriale
ISBN 9788836629794
€ 35 / frs 50.–


Acquista
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press
Manipolare la luce in epoca premoderna. Manipulating Light in Premodern Times, Mendrisio Academy Press

La luce è il medium essenziale attraverso il quale lo spazio, le forme e i colori diventano percepibili all’occhio umano. Questa raccolta di studi indaga l’impiego della luce – naturale e artificiale – nell’architettura e nell’arte religiosa cristiana dalla Tarda Antichità al Barocco, rilevandone il suo complesso simbolismo e i modi in cui esso viene attuato. Sono così analizzati i dispositivi architettonici che regolano la luce diurna, la cultura materiale che genera l’illuminazione artificiale, nonché i saperi e le riflessioni sugli effetti della luce e dell’ombra riscontrabili nei testi letterari, teologici e filosofici come pure nelle opere d’arte, siano esse la miniatura, il mosaico, l’affresco o la vetrata gotica.

Testi di Sergio Bettini, Anna Bülau, Elena Castelli De Angelis, Fabio Fernetti, Francesca Galli, Iuliana Gavril, Vladimir Ivanovici, Brigitte Kurmann-Schwarz, Frank Martin, Mira Mocan, Daniela Mondini, Bettina Preiswerk, Nicolas Reveyron, Barbara Schellewald, Nadine Schibille, Angela Schiffhauer, Sophie Schweinfurth, Xenia Stolzenburg.

 

Manipolare la luce in epoca premoderna / Manipulating Light in Premodern Times

a cura di
Daniela Mondini
Vladimir Ivanovici
19 x 24.5 cm, 332 pp.
100 ill. col., 35 ill. b/n
brossura
italiano, inglese, francese, tedesco
Silvana Editoriale
ISBN 9788836627219
€ 49 / frs 59.–


Acquista Open Access
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press
Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage, Mendrisio Academy Press

Nel corso del semestre primaverile del 2014 gli studenti dell’atelier Miller dell’Accademia di architettura di Mendrisio si sono confrontati con l’urbanistica e l’architettura di Basilea, in particolare dell’area che si estende lungo l’Aeschengraben e la St. Alban-Anlage sulla quale è prevista un’imponente riorganizzazione. Ne sono scaturiti dodici progetti, presentati in mostra nella sede della Basilese Assicurazioni e raccolti ora in questo catalogo. 

Atelier Miller, Aeschengraben St. Alban-Anlage. Sechs grosse Häuser für Basel / Sei grandi edifici per Basilea

19,5 × 26,5 cm, 178 pp.
22 ill. col., 85 ill. b/n
brossura olandese
tedesco / italiano
9788887624649
€ 30 / frs 30.–


Contattaci
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press
Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941, Mendrisio Academy Press

Questo secondo numero dei Quaderni del corso di Bachelor “Sistemi e processi della costruzione” è dedicato al capolavoro di Rino Tami, la Biblioteca cantonale di Lugano (1939-1941). Edificio sul quale gli allievi di secondo anno dell’Accademia di architettura, guidati dal professore Franz Graf, hanno svolto un esercizio che si è articolato nella raccolta e nell’analisi della documentazione originale, nel ridisegno dei piani costruttivi e nella produzione di assonometrie e modelli costruttivi in scala. Una selezione del materiale raccolto per il corso – disegni originali e foto d’epoca – accanto a una lettura storica, a un’analisi strutturale e a una scelta degli elaborati degli studenti, compone questo opuscolo, che non solo vuole testimoniare la presenza sul territorio ticinese di un’architettura di valore, ma fornire anche agli operatori preposti alla sua salvaguardia spunti per eseguire in modo adeguato ogni intervento di manutenzione o restauro.

Rino Tami. Biblioteca cantonale, 1939-1941

a cura di
Franz Graf, Britta Buzzi-Huppert
21 x 29.5 cm, 48 pp.
31 ill. b/n.
brossura
italiano / inglese
ISBN 9788887624632
€ 15 / frs 20.–

Esaurito


L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press
L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin, Mendrisio Academy Press

Il volume raccoglie numerosi saggi inediti sulla teoria e la storia dell’arte e dell’architettura del XX secolo, scritti in omaggio a Bruno Reichlin, architetto e professore in diverse università, noto per aver elaborato un approccio innovativo all’analisi dell’opera di architettura – fondato sulla messa a punto di strumenti critici provenienti dalla critica del testo letterario e dell’arte – e per le sue battaglie per la salvaguardia del patrimonio architettonico del XX secolo. La raccolta si struttura in cinque sezioni dedicate alla teoria dell’arte e dell’architettura; ai mutamenti dei procedimenti costruttivi conseguenti all’introduzione di nuovi materiali, tecniche e tecnologie; all’analisi di una o più opere architettoniche; a questioni metodologiche e pratiche relative al restauro di edifici moderni.

Testi di: Joseph Abram, Fritz Achleitner, Paolo Amaldi, Tim Benton, Christian Bischoff, Martin Boesch, Yve-Alain Bois, François Burkhardt, Mario Carpo, Jean-Pierre Cêtre Giorgio Ciucci, Jean-Louis Cohen, Jürg Conzett, Wessel de Jonge, Yvan Delemontey, Catherine Dumont d’Ayot, Kenneth Frampton, Hartmut Frank, Aurelio Galfetti, Roberto Gargiani, Franz Graf, Philippe Grandvoinnet, Giuliano Gresleri, Roberta Grignolo, Alberto Grimoldi, Thomas Hasler, Ulrike Jelhe-Schulte Strathaus, Jacques Lucan, Guillemette Morel Journel, Nicola Navone, Werner Oechslin, Carlo Olmo, Luca Ortelli, Danièle Pauly, Carlo Piccardi, Marko Pogacnik, Sergio Poretti, Arthur Rüegg, Martin Steinmann, Adolph Stiller, Christian Sumi, Letizia Tedeschi, Ana Tostões, Ruggero Tropeano, Ivo Trümpy, France Vanlaethem, Annalisa Viati Navone, Daniele Vitale.

L'opera sovrana. Studi sull'architettura del XX secolo dedicati a Bruno Reichlin

Etudes sur l’architecture du XXe siècle offertes à Bruno Reichlin
Studien über die Architektur des XX. jh. Für Bruno Reichlin

23 x 27.5 cm, 592 pp.
396 ill. b/n, 60 ill. col.
brossura olandese
italiano, inglese, francese, tedesco
Silvana Editoriale
ISBN 9788836627516
€ 50 / frs 60.–


Acquista