Università
della
Svizzera
italiana
Accademia
di architettura

 
 

Workshops OST

 

Oggi l’accesso alla rete consente a chiunque di poter accedere alle tecnologie più recenti per la rappresentazione cartografica. La mappa 2.0 (open source) è alla portata di tutti, senza costi e con un accesso ai dati sempre più agevole. Ciò che manca è invece una cultura cartografica, ovvero l’arte di fare le mappe in quanto strumenti di comunicazione contemporanei, che comprende sia le tecniche di mappatura sia gli strumenti di semiologia grafica.

 

L’11 ottobre 2019, l’Osservatorio dello sviluppo territoriale (OST) ha organizzato presso l’Accademia di architettura di Mendrisio una giornata di studio intitolata “Cartografia, cittadinanza e partecipazione” con l’obiettivo di approfondire questi temi affrontando anche il discorso delle relazioni tra cartografia e società, in una prospettiva il più possibile aperta alla scuola, alle ONG e alla pianificazione urbana-territoriale. Come sono cambiati i rapporti tra la carta e il cittadino? Cosa ci insegnano le esperienze nei paesi del sud e quali possono essere alle nostre latitudini le applicazioni e i limiti di questa “cartografia partecipativa”?

 

La pubblicazione degli atti di questo workshop è prevista per l’estate 2020.

Cartografia, cittadinanza
e partecipazione
Mendrisio

11 ottobre 2019

Mapping, Citizenship and Participation Cartographie, citoyenneté et participation, Accademia di architettura, Osservatorio dello Sviluppo territoriale

Tradizionalmente, la complessità dell'elaborazione delle mappe nel campo dello sviluppo territoriale ha limitato la mappatura ad un numero limitato di tecnici incaricati dalle amministrazioni locali. Tuttavia, nel corso degli ultimi decenni l'avvento delle tecnologie geospaziali accessibili ad un vasto pubblico ha aperto possibilità senza precedenti nel campo della cartografia, soprattutto per quanto riguarda la partecipazione di cittadini non specializzati all'elaborazione di informazioni geografiche. Possiamo così parlare di una svolta nelle relazioni tra cartografia e società, tra mappa e cittadino?

Su queste considerazioni, l’Osservatorio dello sviluppo territoriale (OST), la Facoltà di architettura e urbanistica dell’Università di São Paulo (FAU–USP) e l’Università Nove de Julho (UNINOVE), hanno organizzato a São Poalo il workshop internazionale Mapping Techniques and Citizenship cercando di portare questa discussione nel contesto delle metropoli dei paesi emergenti. È stata quindi organizzata una serie di conferenze per affrontare il potenziale delle nuove tecnologie per generare, in modo decentralizzato e partecipativo, informazioni spaziali rilevanti per sostenere lo sviluppo spaziale degli insediamenti precari che sono il risultato di processi di urbanizzazione "informale".

 

Gli atti di questo workshop sono ora disponibili online:
PESSOA COLOMBO, V., BASSANI, J., TORRICELLI, G.-P., & de ARAÚJO, S. A. (Orgs.) Participatory mapping: technology and citizenship. First edition, 2019 - digital version.

Mapping Techniques
and Citizenship
São Paulo

13-17 novembre 2018

PARTICIPATORY MAPPING: TECHNOLOGY AND CITIZENSHIP, USI Accademia di architettura, Osservatorio dello Sviluppo Territoriale